Nel mese di settembre dell’anno 1978 il Signore, sotto il ministero episcopale dell’amato Arcivescovo Card. Salvatore Pappalardo, ha voluto questa nuova parrocchia.
Ero giovane e con poca esperienza di vita, ma pieno di entusiasmo e così alla chiamata del Vescovo dissi sì, incamminandomi sui passi della Provvidenza.
Sperimentavo giorno per giorno come il Signore mi dava discernimento. Confidavo in tante persone dal cuore generoso che il Signore mi metteva accanto. Per loro ho sempre pregato e ricordo con stima ed affetto sia amministratori civili che tanti parrocchiani ed amici.
Mi si permetta il ricordo del Sig. Alberto Di Stefano che mi offrì il suo locale terreno, luogo, da dove comincia l’opera di Dio.
Quanti bei ricordi, la mostra fotografica virtuale permanente ci farà rivivere!
Ancora un caro ricordo, associato ad una preghiera per i tanti fratelli, amici e collaboratori della prima ora! Quanto entusiasmo... come si fa a non ricordare i primi fedeli che cominciarono a tassarsi mensilmente per contribuire all’acquisto dell’area ove è sorta questa Chiesa? E le donne che si organizzavano per la questua di casa in casa per lo stesso fine?
Ottenuta l’area ci siamo anche sbracciati per costruire la Sua Casa con le nostre mani e qui il Signore si fa presente con ottime maestranze che dedicavano gratuitamente il loro tempo libero, per destinarlo alla costruzione della Chiesa. Con piacere ricordo il Sig. Fortunato Mannino, il Sig. Girolamo Groppuso, di felice memoria e tanti, tanti altri… occorrerebbe scrivere un libro!
Posso dire che solo il Signore ci ha dato questo luogo di culto, molto modesto dal punto di vista architettonico (non voglio aprire il capitolo sul P.R.G. di allora…) ma è stato ed è tutt’oggi ricco di partecipazione corale.
Così, completata presto la prima Chiesa nell’anno 1980, si allargano gli orizzonti pastorali e si dà forma alla vita della Parrocchia. Nascono presto realtà ecclesiali: gruppi giovanili, Rinnovamento dello Spirito, Cammino neocatecumenale, Azione cattolica, e quant’altro in una parrocchia prevede la pastorale.
Mi premurai presto a costruire una Chiesa di pietre vive che potesse essere sale e lievito nel territorio.
La formazione spirituale ed evangelica dell’uomo prende così il primo posto. Infatti lo Spirito Santo ha generato e continua a generare nella nostra Parrocchia figli e discepoli, sebbene non manchino problemi e talvolta conflitti dettati dalla stessa natura dell’uomo incrinata dal peccato. E di questo ne sono consapevole, infatti l’icona evangelica del grano e della zizzania che crescono insieme mi sta davanti agli occhi.
Questa è la realtà di ogni comunità, fatta da uomini che lottano per cercare la conversione! Ebbene, tutti devono sentirsi amati e, a secondo dei casi, anche sapientemente ammoniti.
Crescere insieme alla luce di Gesù Cristo deve diventare una esigenza profonda di ciascuno, nonostante l’esperienza talvolta, mi dica che è più facile costruire una chiesa di pietra che non una chiesa di pietre vive!
Quanto amore il Signore ha donato e continuamente dona a questa vigna, del resto la Chiesa è Sua e non nostra, ma attenti a noi vignaioli! Mi conforta vedere come il Signore ci accompagna costantemente e precede chiunque discepolo diventi soprattutto testimone.
D’altra parte, io di quante cose devo ringraziare il Signore! Quanto bene esiste in questa amata Parrocchia, quanti carismi che talvolta sono sommersi e bisogna che il Pastore scopri per farli emergere! I diversi collaboratori della pastorale, le tante persone umili e semplici che non si mettono in mostra, ma che sostengono la comunità con la preghiera e sono presenti anche nelle necessità materiali della parrocchia: lo dimostra anche oggi la sensibilità per l’acquisto dei nuovi banchi. Tutte queste a tante altre opere non sono forse doni di Dio?
Un grazie di cuore elevo al Signore ed a tutti quei fedeli che sentono la Parrocchia propria e lo dimostrano con fatti e non con una appartenenza giuridica o per spirito di legame di gruppo.

IL PARROCO

Monsignor Vincenzo Monaco